Attenzione se mangi tonno in scatola: ecco cosa può contenere

Tutti almeno una volta nella vita, chi per mancanza di tempo, chi per noia, ha preferito cucinare il tonno in scatola piuttosto di quello fresco. Proprio per questo è per tanti altri motivi che vedremo insieme in seguito, il tonno in scatola è uno di quei pochi alimenti presenti in quasi tutte le case, in quanto si tratta persino di un cibo ad alto contenuto proteico e soprattutto facile e pratico da utilizzare ad esempio per dare un tocco in più ad un’insalata al volo, per un veloce aperitivo con amici, oppure ancora per un piatto di pasta fresco e gustoso, apprezzato maggiormente durante la stagione estiva.

L’aspetto che fa più discutere i consumatori di tonno, riguarda il fattore salute. Fortunatamente anche sotto questo aspetto il tonno in scatola è un ottimo alimento, ma nonostante ciò, non dobbiamo dimenticare che comunque quello fresco è di qualità migliore oltre che leggermente più difficile da reperire e a prezzi piuttosto elevati. Il tonno in scatola possiamo trovarlo in tutti i supermercati del territorio italiano, di tante marche e confezioni diverse. Dobbiamo sempre tenere a mente che purtroppo esistono però delle piccole controindicazioni nel tonno, le quali sono associate alla qualità del pesce stesso, vediamo insieme di cosa si tratta e come possiamo scegliere il tonno migliore.

Innanzitutto, la prima cosa da fare è optare per i formati più grandi rispetto a quelli piccoli. Il pesce, infatti, è proprio in questi formati, quelli più grandi che mantiene perfettamente integre tutte le sue proprietà, in quanto risulta più compatto e meno sminuzzato. Inoltre, se vi fermate a pensare un attimo, capire che effettivamente andando per logica, in una relativamente piccola scatoletta di tonno di dimensioni ridotte, non potrà mai entrarci. In nessun modo, un intero blocco di muscolo. Dunque, di conseguenza, in questi contenitori spesso ritroviamo soltanto alcuni piccoli resti di un singolo trancio, il quale però viene invece inscatolato in quelle più grandi.

In casi come questo, vi è l’alto rischio di ingerire soltanto del semplice macinato di pesce cotto ed ovviamente di scarsissima qualità. Il rischio per la nostra salute, non è rappresentato soltanto dal pesce in sé, ma anche dalla scatoletta dove viene conservato, poiché molto spesso, queste vengono trattate con delle sostanze nocive per il nostro organismo che inevitabilmente il pesce assorbe durante tutto il suo periodo di conservazione. Dunque, proprio per questa ragione è sempre meglio comprare il tonno in vasetto, rispetto a quello in scatola, così da non correre rischi per la salute.