Quanto miele si può consumare al giorno? Ecco la risposta

Il miele è uno di quei pochi prodotti che riesce ad avere tanto successo, sia da parte degli adulti sia dai più piccoli. Proprio per questo è difficile rinunciarvi anche nel momento in cui si è sottoposti ad un ferreo regime di dieta. Vediamo allora se e soprattutto quanto miele si può mangiare al giorno mantenendo però, allo stesso tempo, un’alimentazione equilibrata, corretta e sana. Il miele viene usato più frequentemente come sostituto dello zucchero raffinato, poiché oltre a possedere molteplici e straordinarie proprietà antisettiche è ritenuto anche un ottimo dolcificante naturale.

Inoltre, a causa delle proprietà appena accennate, viene usato per lenire i sintomi del raffreddore, di mal di gola e di tosse. Una delle differenze sostanziali tra lo zucchero e il miele, è rappresentata dal fatto che il primo contiene il saccarosio, il secondo il fruttosio dunque, questo significa che il miele può essere mangiarlo anche chi soffre di diabete, ovviamente sempre in dosi limitate e indicate dal medico. Oltre al fruttosio come abbiamo appena accennato, dobbiamo persino citare come componenti importanti del miele, il glucosio, diversi tipi di vitamine, i sali minerali, gli oligoelementi, gli antiossidanti, vari tipi di enzimi ed infine, delle sostanze con capacità antibatterica.

Per quanto riguarda l’apporto calorico, è bene puntualizzare che è molto meno calorico dello zucchero ed inoltre, offre un senso di dolce più a lungo termine, più duraturo, ma attenzione, questo non vuol dire che bisogna abusarne. Poiché dovete tenere a mente che circa 100 grammi di miele contengono all’incirca 300 calorie (304 se dobbiamo essere precisi). Nonostante ciò, generalmente il miele non è un alimento che fa ingrassare di per sé, ma dipende soltanto da quanto prodotto mangiamo. In modo indicativo(perché ricordiamo che ogni organismo è diverso), possiamo consigliarvi di ingerire tra i 30 e i 100 grammi di miele al giorno per un organismo adulto.

Non dimentichiamo che diversi studi condotti negli ultimi anni, hanno rivelato ulteriori notevoli capacità. Come ad esempio quella di favorire la crescita del tessuto osseo attraverso il calcio, quella di stimolare le difese immunitarie del nostro corpo, quella di migliorare le nostre capacità cognitive come per esempio la memoria, quella di ridurre l’ansia, ed infine, una ricerca di pochi anni fa, ha portato alla luce la sue capacità di migliorare il nostro profilo ematologico, nello specifico stimolando la produzione delle cellule del sangue nel nostro corpo. Per quanto riguarda i più piccoli, durante la fase dell’infanzia, il miele è un’ottima alternativa allo zucchero bianco.