Cosa succede se si mangia burro in gravidanza? “Attenzione”

La dieta in gravidanza deve essere densa di nutrienti, deve fornire una grande quantità di energia sufficiente per la crescita sana del bambino e deve permettere al corpo della futura mamma di affrontare i giusti cambiamenti fisici. Il burro è quell’ingrediente che può aggiungere una nuova dimensione di sapore a qualsiasi piatto e che ha anche alcune proprietà salutari, ma è ricco di grassi e per tale ragione deve essere spesso eliminato dalle diete. Le donne incinte possono mangiare il burro in gravidanza?

Una dieta equilibrata dovrebbe avere una giusta ed adeguata quantità di proteine, di grassi, di carboidrati, di frutta e verdura. I grassi sono molto importanti per la crescita e per lo sviluppo del feto e offrono forza anche alla madre. Il burro, quel delizioso grasso di cui molti non possono fare a meno, ne contiene molti e per tale motivo il più delle volte deve essere controllato o completamente eliminato dall’alimentazione per motivi di salute. Il suo consumo anche durante la gravidanza potrebbe far sorgere dei dubbi e delle preoccupazioni sul benessere della futura mamma.

La risposta alla domanda che si siamo fatti sopra è SI. Le donne incinte possono mangiare tranquillamente il burro, ma è chiaro che, come per altri cibi, deve essere consumato con moderazione. Tuttavia, se una donna incinta ha dei problemi di intolleranza al lattosio oppure ha sviluppato un’allergia a latte e formaggi, dovrebbe evitare di mangiare questo alimento durante la gravidanza. Anche il burro ha dei benefici per la salute delle donne incinte quando viene incluso nell’alimentazione in porzioni controllate.

Una donna in dolce attesa può trarre benefici dal consumo di questo cibo durante la gravidanza se lo consuma periodicamente e nella giusta quantità: si tratta di benefici che vanno da quelli fisiologici a quelli legati al buon umore. Il burro aiuta a regolare i livelli di colesterolo nell’organismo per cui le donne con livelli di colesterolo LDL o elevati non dovrebbero consumarne più di 1 cucchiaino al giorno durante la gravidanza. Altra cosa è che gli ormoni in gravidanza e i gli effetti che hanno sul corpo possono non essere sempre gradevoli. I livelli ormonali sono più facilmente controllabili con il consumo di burro.

Tuttavia, poiché gli ormoni sono direttamente collegati al benessere del feto in crescita, ti consigliamo di chiedere il parere di un dietologo. Ma è bene ricordare che una dieta equilibrata contribuisce all’equilibrio ormonale, e la semplice aggiunta di burro alla propria alimentazione non è sufficiente. Durante la gravidanza l’organismo consuma molteplici energie e si sente costantemente stanco ed affaticato; poiché il burro ha un elevato contenuto calorico, la sua aggiunta alla dieta può fornire una grandissima ed importantissima spinta energetica necessaria alla gravidanza, ma bisogna cercare di non aggiungerne più di un cucchiaino (circa 10 grammi) alla propria alimentazione quotidiana.