Mangiare fagioli fa ingrassare? Ecco la risposta sconvolgente

Non tutti sono a conoscenza del fatto che i fagioli sono prodotti che appartengono al IV gruppo fondamentale degli alimenti. Crudi, freschi o congelati, riescono ad apportare una quantità di energia significativa, ma non eccessiva (cosa di cui invece sono accusati tanti altri alimenti). La maggior parte delle calorie è fornita dai carboidrati complessi, ovvero dall‘amido contenuto in essi. Nonostante ciò, a seguire, troviamo un’ottima percentuale di proteine a medio valore biologico, per capirci, carenti in aminoacidi solforati (metionina e cisteina), normalmente integrati attraverso l’associazione nutrizionale con i cereali.

Per quanto riguarda i grassi, sono quantitativamente marginali ma di buona qualità, cioè sono tendenzialmente insaturi e con una buona percentuale di polinsaturi essenziali; tra i lipidi compaiono altri elementi utilissimi come ad esempio i fitosteroli e le lecitine ed infine, ritroviamo anche le fibre in quantità importanti. Non dobbiamo dimenticare che i fagioli contengono persino molte vitamine del gruppo B, come ad esempio la B1 (tiamina), la PP (niacina), l’acido folico, ecc. Sono una delle poche fonti eccellenti di minerali, tra cui troviamo il calcio, il ferro, il fosforo e il potassio.

Una caratteristica fondamentale, è rappresentata dal fatto che non apportano il glutine, il lattosio né l’istamina (e non ne facilitano neppure la liberazione da parte dell’organismo), ma, nonostante ciò, possono essere responsabili di alcune tipologie di allergie. Non hanno invece alcuna controindicazione per il favismo. Dopo questo breve ma importante momento informativo, dobbiamo puntualizzare che i fagioli, sono alimenti molto consumati nei regimi nutrizionali vegetariani e vegani, anche di base religiosa o filosofica come per esempio il buddismo e l’induismo. Tra le tante qualità sopra citate dei fagioli, possiamo aggiungere che non fanno ingrassare, anche se, come per molti altri alimenti, è ovvio che il troppo stroppia.

Per essere precisi, i fagioli crudi freschi apportano circa 133 kcal per ogni 100 g, quelli crudi secchi 291 kcal ogni 100 g, quelli cotti, in scatola, scolati apportano invece 91 kcal per ogni 100 g. Attenzione però, perché la notevole caloricità dei semi essiccati è tuttavia fuorviante, poiché prima del consumo i fagioli devono essere sottoposti ad ammollo preliminare, grazie a questa pratica, riescono a ripristinare la densità energetica del prodotto fresco crudo. Una volta che vengono cotti, tutte le varie tipologie di fagiolo hanno lo stesso valore calorico. Inoltre, anche per i fagioli esistono precise raccomandazioni di consumo, che interessano la frequenza, tanto quanto la porzione. I fagioli, in quanto legumi, possono essere mangiati 2/3 volte alla settimana e la porzione media corrisponde a 150 grammi.