Pensavano fossero canditi e invece erano vermi: ecco la marca di gelato in questione

Il gelato è considerato da sempre il “RE” dell’estate in quanto è amato da tutti, sia dai grandi che dai piccoli e tra l’altro oggi ce ne sono davvero per tutti i gusti. Nonostante ormai l’estate sta giungendo al termine, il gelato è comunque sia un ottima idea di merenda. In commercio possiamo trovare davvero moltissime tipologie di gelato che vanno dai gusti più classici alla crema (cioccolato fondente, stracciatella, pistacchio, nocciola), ai gelati alla frutta (pesca, mango, limone, fragola), fino a quelli più curiosi e ricercati (al cannolo, al peperoncino, gusto puffo, pinguino, alla birra e addirittura alla cipolla).

Mamma mia.. che acquolina in bocca. Ma attenzione, da qualche giorno è scattata sul web una nuovissima allerta che riguarda proprio i gelati confezionati: si tratta della presenza di un contaminante pericoloso. Il Ministero della salute ha indicato di ritirare dieci lotti di una nota marca di gelato alla vaniglia in quanto, da alcune analisi effettuate, è emersa una consistente presenza di grosse quantità di ossido di etilene. Ma di cosa si tratta? Vediamolo insieme.

L’ossido di etilene è una sostanza che si presenta sotto forma gassosa e che viene utilizzato soprattutto come disinfettate e disinfestante.
L’ossido di etilene è un ottimo alleato contro i batteri, i funghi, i virus e molti insetti. In molti casi, però, può risultare particolarmente dannoso per la nostra salute in quanto è possibile che possano avvenire delle contaminazioni negli alimenti, soprattutto perché viene molto utilizzato nei silos e nei magazzini dove, appunto, vengono conservati tutti gli alimenti.

Degli studi hanno dimostrato che l’ossido di Etilene rientra addirittura tra le sostanze cancerogene soprattutto a seguito di un consumo piuttosto regolare e proprio per tale ragione il suo utilizzo è regolamentato per legge. Le prime attenzioni all’ossido di etilene risalgono infatti ai primi mesi dell’anno 2020, quando sono stati effettuati studi e analisi sui semi di sesamo e sui gelati. Gli esperti hanno rilevato la presenza di alcuni contaminanti alimentari che sono presenti in molti additivi che facevano parte integrante della produzione di tutti i prodotti.

Adesso tenetevi forte: ho una notizia davvero disgustosa per voi. Siete pronti? Una nota catena di gelaterie ha puntato tutto sull’originalità dei gusti inserendo nelle lavagne di tutti i suoi negozi, un gusto nuovo chiamatolarve di insetti nelle guarnizioni da scegliere per i propri frozen yogurt. La cosa incredibile è che lo stupore e il disgusto iniziali sono stati subito sostituiti da una forte curiosità che ha portato i (coraggiosi) portoghesi a provare questo gusto.